Radio More Music nasce nel 1983 dalle ceneri di radio nata nel 1976 e prima in Italia ad avere un ripetitore in quota, esattamente a Monte Penice dove vi era solo mamma RAI.
Dopo alterne vicende nel 1982 Omega chiude i battenti e grazie al grande spirito d'iniziativa di Nadia Nespoli direttore artistico e Pio Belloni direttore tecnico, ovvero il cuore e l'anima della radio, partì la bellissima avventura che a metà degli anni ottanta segnò un passo importante nella storia della radio privata in Milano.
Trovato il locale un angusto magazzino di 30 mq in una vecchia casa di ringhiera in Via Centurelli a Bresso, con pochi mezzi a disposizione, ma tanta voglia di fare iniziano le trasmissioni con la prima antenna sistemata sopra la vecchia casa in mezzo ai palazzi sulla frequenza 92.2 Mhz con un vecchio trasmettitore prestato da un amico.
Dopo pochi giorni i primi problemi, il trasmettitore non aveva filtri e la postazione non era idonea tutti i palazzi intorno avevano problemi, nessuno riusciva a vedere la tv quando il trasmettitore della radio era in funzione... stop momentaneo delle trasmissioni.
Nel giro di pochi giorni, grazie alle "conoscenze nell'ambiente", si viene a sapere che la radio di Sesto san Giovanni (Capital Milano Dance all Day ora passata al gruppo Gedi) guidata da un amico, sta' per trasferire le proprie antenne e vuole cedere la postazione sul grattacielo più alto di Cinisello Balsamo (MI).
Con qualche sacrificio e l'aiuto di un direttore di banca che ci presta i soldi necessari per l'acquisto, Radio More Music decolla.
Non è più sulla frequenza dei primi giorni, ma sui 95,500 Mhz riuscendo a coprire con un trasmettitore da 2Kw usato acquistato da Radio Lodi la parte nord della città di Milano e la Provincia.
I primi animatori furono, Nadia Nespoli, Riccardo Este, Danilo Alicino, Mauro Negri , Raffaele Umbriano, Tony Cerri, Leonardo Latronico, Stefano Monticelli e Fabrizio Inti mentre tutto quello che riguardava la parte tecnica per andare in onda era affidato alla già grande esperienza di Pio Belloni e Mallia Carmelo.
La radio cresce e con essa gli ascoltatori, la sede comincia ad essere troppo stretta.
La raccolta pubblicitaria comincia ad ingranare, entrano nuovi soci che apportano denaro, e ci si trasferisce tutti nella nuova sede di Via Marconi, sempre a Bresso (MI).
Viene acquistato un trasmettitore più potente e subito dopo una frequenza sul Monte Bisbino 95.500 che peraltro già ci disturbava nell'area di copertura; si attiva un nuovo impianto sulle torri di Bruzzano (Milano) sui 107.400 così la radio si può ascoltare con un buon segnale in più Province.
Le trasmissioni prevedevano una diretta di 15 ore con inizio alle 6:30 del mattino.
Durante la settimana si alternavano ai microfoni voci note della radiofonia di allora, iniziando dal mattino Nadia Nespoli e Stefano Albertini, il pomeriggio Danilo Alicino con il nominativo d'arte Alex conduceva un programma dedicato principalmente alle classifiche internazionali, Nino Rosà con il programma music of the pop e Ivano Lenny (Ivano Pellizoni) con programmi dedicati al contatto diretto con il pubblico come i giochi e dediche.
Altre voci importanti del pomeriggio furono quelle di Stefano Monticelli e Roberto Palmieri, il tardo pomeriggio Leonardo Latronico e Thomas Damiani .
La diretta prevedeva che lo speaker si occupasse anche della parte tecnica, ma spesso la regia musicale era affidata a Fabrizio Inti il quale si occupava di tutto quello che fossero le registrazioni, dai montaggi delle classifiche alla musica della notte, curando il programma medley mix un'ora di musica mixata davvero coinvolgente.
I programmi migliorano sempre di più la radio viene chiamata "MORE MUSIC HEARTBEATCITY" il palinsesto musicale era il classico top 40, con i 40 motivi ad alta rotazione a seguire i classici della musica pop e disco con molta musica italiana per la diretta giornaliera.
Il notturno era impostato 2 motivi novità 1 motivo italiano e 1 motivo evergreen.
La diretta prevedeva l'appuntamento fisso ogni due ore del disco Hearbeat, cioè, la canzone di punta scelta tra le novità.
E dal 1985 il disco Heartbeat Flashback, un motivo vecchio almeno 10 anni da riproporre.
Le classifiche settimanali erano: la Hit Italia composta da 15 motivi condotta da Nadia Nespoli, la classifica di More Music composta da 40 motivi condotta fino al 1986 da Raffaele Umbriano poi passata nelle mani di Leonardo Latronico con il nuovo nome di FM List (all' allegato (1) spezzone di trasmissione del 14.03.1986).
Nel 1986 nasce la FM List Dance i 20 dischi più ballati nelle discoteche di Milano, curata in versione esclusivamente musicale da Fabrizio Inti, per concludere con il riassunto delle prime tre posizioni delle classifiche europee e la hot 40 Americana, condotta da Alex (Danilo Alicino).
Le trasmissioni della radio terminarono nel 1988 per tutti i protagonisti della radio, More Music, fu un vero trampolino di lancio, molti infatti continuarono e continuano ancora oggi la loro avventura radiofonica in altre emittenti "più famose e importanti" coscienti di aver vissuto il momento più bello della radiofonia in Italia: non era più la radio improvvisata, non era ancora la radio azienda.

Il nostro sentito ringraziamento a Fabrizio Inti per la documentazione inviataci
(1)


per segnalazioni e aggiornamenti : info@mi-radio.it